3.26.2012

GUAI A CHI DICE CHE SIAMO UNA GENERAZIONE DI LAGNOSI

Oggi ragazzi ho un diavolo per capello, il lunedì si sa è così per tutti! Aggiungeteci che sono sveglia dalle 4 di questa mattina, perchè quel demente del vicino non sentiva la sveglia, che tra le altre cose ha fatto suonare fino alle 5 e 15, (io vivo in una casa con i muri sottili come capelli) fortuna che è uno che viene pochissimo perchè abita fuori Roma, altrimenti a quest’ora forse vi scrivevo da Rebibbia
E poi non posso sentire un demente, che alla TV se n’è uscito dicendo che siamo dei giovani lagnosi,che anche lui a 24 anni aveva dovuto fare dei scacrifici.
All’epoca sua, prima di diventare direttore di una testata giornalistica, era un giovane pubblicista sposato da poco con un mutuo ed un figlio a carico! E che a noi giovani di oggi  piace tanto piangerci addosso perchè non sopportiamo di fare sacrifici!
Chi glielo dice a questo demente che stiamo lavorando in posti che non sono rispondenti alle nostre lauree pur di essere indipendenti e che ingoiamo ogni giorno un boccone amaro in nome di quella libertà che ci era stata garantita ma che ancora non vediamo?
Chi glielo dice che a 34 anni dopo sette anni di onorata carriera ti vengono a  dire, sai la crisi non ci permette più di tenere la tua posizione è stato bello ADDIO  MA, ATTENZIONE, con una lettera di referenze con tutti voti ALTISSIMI,CHE NOI CARA MICA TI ABBIAMO MESSO IN MEZZO AD UNA STRADA! NOOOOO!!!!
Solo fuori dal portone!
E dopo lo sfogo, cari amici vi saluto e vi mando un bacione, anche perchè in barba a tutto quello che ho detto su, ieri è stato il mio primo giorno di mare WOW!
SMACK

12 commenti:

  1. E' facile parlare quando si hanno delle certezze e dei diritti intoccabili, capisco il tuo sfogo e quello di tanti giovani preparati, competenti motivati, ma che purtroppo sono costretti a ripiegare su altro, se pure si trova.
    Non penso che i giovani siano piagnoni...nessuna parola serve a migliorare la situazione, meglio godere di una giornata di mare e pensare che il sole sorge ogni giorno!!

    Buona settimana

    loredana

    RispondiElimina
  2. BRAVA Lory sono pienamente d'accordo! Meglio una giornata al sole piuttosto che sentire queste fandonie!!! Smack

    RispondiElimina
  3. infatti sì! Meglio una giornata al sole che ripensare al fatto che mi hanno dato il ben servito dopo 7 anni di sfruttamento, ma attenzione con una lettera di Referenza OTTIMA.... ma per piacere... intanto devo rimboccarmi le maniche e rituffarmi alla ricerca di un lavoro...e va be

    RispondiElimina
  4. Se la guardi da un'altra prospettiva è meglio così dato che un anno fa hanno dato il tuo posto ad un'oca raccomandata! ti farà bene ricominciare tutto da capo ne sono sicura ^_^! smack

    RispondiElimina
  5. Lascia stare Marianna, io queste cose non posso proprio sentirle, ho sempre lavorato, sempre, tutto quello che possiedo l'ho guadagnato con il sudore della mia fronte, straordinari mai pagati, domeniche regalate, e sai come mi trovo adesso? disoccupata, perché ho detto BASTA, ma cosa ne possono sapere loro, con il loro bel sedere riparato e con tutti i milioni che sbucano dal portafogli? CHE SCHIFO!

    RispondiElimina
  6. Infatti Simo è proprio così più dai e meno ricevi! che tristezza

    RispondiElimina
  7. Così parla chi putroppo non ha mai dovuto ingoiare un rospo. Chi ha sempre avuto tutto pronto e non ha mai dovuto abbassare la testa pur sapendo di avere ragione. Lo dico sempre che non è vero che ognuno ha quel che si merita!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Katia purtroppo hai ragione!
      E che gente come noi di rospi ne ingoia tutti i giorni il guaio è che no basta nemmeno più quello!

      Elimina
  8. Quanto hai ragione cara mia.. solo noi giovani "lagnosi" possiamo sapere in che modo tiriamo avanti ogni giorno. Noi che ci svegliamo alle 6 per essere in ufficio alle 9, noi che dobbiamo fare il caffè a dei dementi a 31 con una laurea e dopo 7 anni che si lavora, senza un riconoscimento, senza possibilità di crescita. A noi che in questo paese (neanche lo scrivo con la lettera maiuscola) ci è stata tolta la libertà di sognare e ci costringono ad andare via.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto hai ragione, Chiaretta, e questo si è permesso il lusso di dire quelle parole che davvero mi hanno fatta infuriare, l'avessi avuto davanti gli avrei sputato in faccia!

      Elimina
  9. Sfogo più che motivato! Anch'io divento una iena quando sento queste cose!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adri e su!!! Un direttore di giornale che dice certe cavolate non merita il posto che ha!

      Elimina