12.07.2011

COME FA A FAR TUTTO?


Buongiorno a tutti, oggi, per me, è una giornata speciale, come quella del noncompleanno del cappellaio matto, è un non venerdì, dato che domani,per fortuna, abbiamo un giorno di riposo, ovviamente venerdì lavoro, ma mi consola l’idea di avere un giorno in meno in questa settimana di deliro Trollesco dovuto al dopo manovra @_@!!!
Ma veniamo al titolo del post, come avevo accennato a secondo binario, volevo proprio scrivere un post su questo film, che al di là dei gusti personali sulla trama o sugli attori, il tema è di estrema attualità
In quest’Italia in cui non si sa dove andremo a finire, c’è sempre un tema uguale a se stesso, il ruolo della donna e le pari opportunità!
Lungi da me addentrarmi in discorsi femministi o di qualsiasi altra natura, guardando questo film mi sono resa conto di tutto quello che fa una donna oltre il lavoro.
Certo ogni tanto rifletto sul treno guardando le mamme che alle 20.00 sono ancora sul treno con me e le vedo agitate chiamare il figlio maggiore e dire "mi raccomando metti l’acqua a bollire e stai attento, mamma sta arrivando". 
Mi stringe il cuore a sentire quelle parole, davvero, però mi chiedo ma come mai ci siamo rese così schiave? è proprio vero che è colpa di una società maschilista oppure è anche un po’ colpa nostra perchè vogliamo fare Tutto noi senza lasciare che qualcuno ci dia una mano ammettendo che siamo sul punto di scoppiare e che non ce la facciamo più da sole?
Ma parliamo del film "Come fa a far tutto nasce" dal romanzo di successo di Pearson Allison,(pensate che è rimasto nelle classifiche americane per 23 settimane ed anche la regina del Talk show Oprah ne aveva parlato benissimo nel suo angolo dei libri come una bibbia per le madri che lavorano), la protagonista è Sarah Jessica Parker nei panni di Kate Raddy una donna in carriera che lavora come  responsabile di investimenti nella filiale di Boston di una società di New York, lavoro che spesso la porta a viaggiare per le diverse filiali e questa cosa complica ancora di più il suo rapporto con i due figli piccoli ed adorabili e con il marito. 
Il marito, Richard, è un architetto che si è messo in proprio da poco tempo per cui è ancora in fase di stallo sia sul piano economico che finanziario, perciò è lei al momento l'unica fonte di reddito in casa. 
Kate adora il suo lavoro e per niente al mondo lo lascerebbe, ma sente anche un senso di frustrazione quando, accompagnando la figlia maggiore a scuola vede le altre mamme, che hanno lasciato il lavoro per stare con i figli, portare dolci e manicaretti fatti in casa per la raccolta di beneficenza, mentre lei invece ha deformato una torta comprata di notte in una pasticceria ancora aperta spacciandola per sua!
Parenti, ed amici si chiedono ma come fa a far tutto???
Un giorno un suo progetto viene preso in considerazione dalla Holding e a lei toccherà fare ancora di più i salti mortali per poter portare avanti questo progetto, viaggi più frequenti la terranno lontana da Boston e dalla sua famiglia,il tutto contornato dalle aspre critiche della suocera e anche della figlia maggiore che si sentirà abbandonata...Ma cosa farà Kate quando le si imporranno delle scelte drastiche?
Il film checchè se ne dica a me è piaciuto, certo non è un colossal ma mette in luce diversi aspetti di una vita che, troppo spesso, si danno per scontati.
Una buona idea regalo per natale sarebbe comprare questo libro a donne/mamme/lavoratrici magari può essere d’aiuto.
QUESTA è LA COPERTINA ORIGINALE BELLA VERO?
Buona festa dell’Immacolata
Smack

14 commenti:

  1. W le donne!!! Quante ne vedo come te e penso che io non dovrei lamentarmi, in fin dei conti evo pensare "solo" a me...eh si quel libro potrebbe essere un'ottima idea...Brava!!!

    RispondiElimina
  2. @ Già noi non abbiamo nè figli nè mariti è pure è dure alcuni giorni..
    ^_^ Il libro lo vorrei anche io chissà che qualcuno recepisca il messaggio e me lo compri ahahha ! Smack

    RispondiElimina
  3. Ahahahah monella già ti devono regalare il libro che sai tu... quanti ne vuoi? :P A parte gli scherzi, noi donne siamo davvero multitasking! Il fatto è che SIAMO CAPACI DI FAR TUTTO!!! In certe cose gli uomini possono aiutarci ma più di tanto non riescono.. è meglio far da sole!! Sta di fatto, però, che con la vita che si fa oggi, il pensiero di avere un bambino e non potergli star dietro quanto vorrei mi rende restia al riguardo! Comunque, ottima idea regalo! Baci e auguri per domani! Si dormeeeeeeeee

    RispondiElimina
  4. @ Chiaretta bella è proprio vero! quando si esce la mattina alle sette e si rientra a casa alle 21.00 mi dici come si fa a far venire l'dea di un bambino???? BOH!!!
    :"> iii non si sa mai oltre a quello potrei anche dire a babbo natale che vorrei anche questo hai visto mai??? smack! e buona festa anche a te!!!!
    DOMANI MI SVEGLIO ALLE 10.00 spero!!!

    RispondiElimina
  5. marianna, probabilmente andrò a vedere questo film, ma a mamma7donna che prova a fare tutto, ti assicuro che alle volte è anche frustante vedere rappresentata la realtà, più o meno simile alla nostra, la sensazione che lascia è quella di un mega senso di colpa, perchè, bisogna confessarlo, davvero TUTTO non si riesce a farlo e allora, vai di rimorsi e di...forse dovrei.
    Io l'unica soluzione che ho trovato è il dono dell'ubiquità, ma ancora non vengo accontentata!
    buon giovedì di festa!!
    ciao loredana

    RispondiElimina
  6. @ Lory è proprio questo infatti si fanno le cose come automi, finchè regge il fisico tutto va bene, ma forse a volte è bene fermarsi e guardare da lontano la vita che scorre frenetica e cercare di capire quello che può essere scartato e quello che invece va tenuto, tanto per lenire un po' i sensi di colpa NO! smack

    RispondiElimina
  7. Benché un pò troppo americano anche a me é piaciuto

    RispondiElimina
  8. @Soffio hai ragione spogliato di alcuni orpelli è proprio un bel film!

    RispondiElimina
  9. Anche a me il senso del film è piaciuto molto la vita che viviamo orami è difficoltosa :(

    RispondiElimina
  10. je te souhaite une bonne soirée

    RispondiElimina
  11. cavolo, ora lo voglio vedere!!

    lo cerco ^_^

    certo che ce la siamo un pò cercata....parità di diritti un paio di broccoli, ci siamo addossate i "lavori dei maschietti", ma di maschietti che pareggino io ne conosco assai pochi, perle rare....

    detto questo:

    Solo una donna può fare il lavoro di una donna!!! ^_^

    RispondiElimina
  12. @ Fimère merci :)!

    @ Kat benvenuta, be si secondo me ci siamo un po' inguaiate ma HAI RAGIONE SOLO NOI SAPPIAMO FARE ALCUNE COSE :D!

    RispondiElimina
  13. @Marianna: c'è solo una cosa che noi maschietti non possiamo fare, e cioè portare in pancia per nove mesi un bambino. E questa è una verità indiscutibile.

    Su tutto il resto, permettimni di dubitare.

    Comunque se io dovessi ogni giorno uscire da casa alle 7 e tornare alle 21 (e casomai anceh lavorare di tanto in tanto nei fine settimana) eviterei di pensare di far eun bambino, a prescindere dall'essere uomo o donna

    RispondiElimina
  14. @ Infatti il pensiero di averne uno non mi sfiora nemmeno! sono fuori casa almeno 13 ore al giorno perciò non si può fare!!!
    Io credo solo una cosa che forse abbiamo strafatto!

    RispondiElimina