10.18.2011

LETTURE


Ciao a tutti, come sapete ogni tanto mi addentro in terreni non miei, come la cucina o le “recensioni”.
Le mie, però, non sono vere e proprie recensioni, per questo c’è Chiaretta che ci da immense soddisfazioni e ci delizia con idee sempre ricche e briose, ma solamente riflessioni su alcuni libri che leggo.
Questa settimana ho letto sul mio e-reader (un graditissimo regalo :D) il mio primo e-book e ho scelto “Quella stronza del mio capo” un libro di Bridie Clark, non so perchè mi ha subito colpito il titolo,chissà come mai?!?!
E’ inutile dirvi che il libro si muove sulla falsa riga del Diavolo Veste Prada, ci sono tutti e tre i personaggi Emily che qui si chiama Lulù, Miranda che qui si chiama Vivian e Andrea che qui si chiama Claire.
La trama però è diversa Claire, una “secchiona” laureata a pieni voti, amante della poesia, (nata da un padre professore universitario e autore di diverse raccolte di sue poesie, prematuramente scomparso e una madre benestante, ma yuppies  che decide di lasciare tutto per trasferirsi nell’ Iowa per dipingere e vivere la sua vita piena d’amore per il marito e la figlia), lavora per una piccola casa editrice come assistente di un editor che lei definisce geniale, la paga è bassa, ma il lavoro, il capo e la collega sono di ottima qualità e lei si gode tutto questo finchè un giorno viene lasciata dal suo ragazzo e, cosa che la sconvolge ancora di più di tutto, scopre che il suo adorato capo andrà in pensione e la lascerà sola.
Triste e delusa, Claire decide di passare quel venerdì sera sul divano in compagnia dell’amico di ogni donna IL CIOCCOLATO, ma la sua migliore amica Bea, arredatrice di interni e modaiola per eccellenza, insiste perchè vada con lei ad un  vernissage nella Manhattan che conta e quella sera come per magia,Claire, tirata a lucido per l’occasione  farà l’incontro della sua vita il suo Fantastico Amore dell’Università, Randal, il ragazzo su cui lei e Bea avevano fatto milioni di fantasie, fino ad immaginare come avrebbe potuto essere il loro matrimonio con Randal il perfetto, l’unico, l’inimitabile.
Randal inizierà subito a farle una corte spietata e Claire non crederà a quello che le sta succendendo ed immersa in una gran nuvola di zucchero filato si farà trasportare dagli eventi e da Randal il magnifico, bellissimo perfettissimo fidanzato che le procurerà ,al loro primo appuntamento, un colloquio con la perfida Vivian, famosa non solo per portare ogni genere di libro (sopratutto spazzatura) al primo posto in classifica, ma anche per le sfuriate ed i maltrattamenti verso i suoi dipendenti che si licenziano o vengono licenziati alla velocità della luce.
Claire accetterà la posizione di Editor e la spropositata proposta economica di Vivian anche se tutti gli dicono di non farlo, e da quel giorno inizieranno le sue dissavventure con la collega Stronza Lulù, lecca piedi di Vivian , e la frenetica vita ai comandi di un capo dispotico e pazzo.
Il libro inizia il giorno del matrimonio di Claire con Randal e poi regredisce raccontando tutti gli avvenimenti che influenzeranno la vita di Claire fino alla sua decisione finale.....
A me il libro è piaciuto, avrei evitato tutte quelle assonanze con il Diavolo veste Prada, tipo la scadenza di un anno che Claire si da dopo aver conosciuto la Virago, perchè secondo il mio modesto parere la storia  reggeva bene da sola.
Lo consiglio a tutte quelle come me che credono di avere un capo S. ma leggendo queste divertenti pagine scopre che no c’è mai fine al peggio.

8 commenti:

  1. tu dici? io il mio lo chiamo Miranda! vedi un pò te..... mi chiama dall'albergo in cui sta tenendo il meeting affinchè io chiami per far portare, nell'ordine altri attaccapanni, accendere, spegnere, alzare abbassare l'aria condizionta, mentre lì di fuori c'è un hostess dedicata a fare tutto questo! e la volta che mi ha chiamata da Milano perchè gli serviva un taxi? e io da Roma ho dovuto chiamare la compagni di taxi milanese?!

    RispondiElimina
  2. Sei troppo dolce tesorino :"> Mi piace un sacchissimo questo libro!!! Chi non si immedesima in questa storia? Penso proprio che lo leggerò!! @Emilia: tu tesoro mio dovresti scrivere un manuale, altroché libro! ;-)

    RispondiElimina
  3. @ Emy la tua Miranda è imbattibileeee e quella volta che doveva partire per NYC e si era dimenticato l'ESTA e ti ha chiamata alle 4 di mattina pretendo che gliela recuperassi in qualche modo?!?!?
    @ Chiara è la pure verità!!!! si il libro ti può piacere ;)iiii
    smack

    RispondiElimina
  4. Uooohh, ma fantastico!
    Un titolo che potrei usare persino io! :D
    Carino, carino, poco originale su certe cose, come hai detto tu, ma perché no! :)
    Bacioneee!!

    RispondiElimina
  5. Ciao PRIUZZA ben tornata, :)! si se lo trovi leggilo è carino almeno ti senti parte di un mondo che conosci come le tue tasche ;)!
    smack

    RispondiElimina
  6. Anche a me questo libro ha sempre affascinata, nonostante io non ho un capo s...o anzi... almeno quello :)
    Appena ho un po' di tempo è il primo libro che leggerò!!!! :D
    Grande Marianna che fa le recensioni... :)

    RispondiElimina
  7. ajajaj Ecco recensioni... pareri va... ;) però davvero leggilo perchè "vedere" una che sta peggio di te ti rincuora @_@! ahahahaha smack!

    RispondiElimina
  8. Mi sa proprio che va letto e rigorosamente in pausa pranzo!!!

    RispondiElimina