10.13.2011

I MIEI MILLE LAVORI


Ciao, ragazzi come va?
Qui a Roma in questo momento ci saranno 27 gradi e come diceva la mitica Marchesini in una scena comica, non esistono più le mezze stagioni grrrr!!!  
Ma bando alle ciance e veniamo al titolo del post, vi avevo accennato tante volte dei mille lavori che ho fatto da studentessa e bene questa mattina proprio mentre ero sulla scala mobile nella metropolitana ho sentito la voce di un bambino che faceva i capricci con la mamma perchè voleva giocare ad un giochetto sul cellulare, e quella voce mi ha riportata indietro di almeno 11 anni a quando facevo la babysitter ad un bambino cinese che viveva nel mio stesso palazzo.
La mamma di questo bambino si presentò una volta a casa mia chiedendo se fossi disposta a portare il figlio di 6 anni a scuola la mattina alle 7.30 (era una scuola privata) e se poi potevo andarlo a prendere alle 16.00 per riaccompagnarlo a casa chiudere la porta a chiave e lasciarlo li da solo tanto dopo 10 minuti sarebbe arrivata lei, tutto questo per la modica cifra di 200 mila lire, non ci pensai due volte e le dissi OK( tanto che ci vuole a fare queste due cosette)!
La mattina dopo salgo su al nono piano e vado a conoscere il cinesino, era carinissimo, piccolino, rasato, occhi a mandorla neri, anche se il papà era italiano aveva preso solo i linamenti della mamma,  un bambino educatissimo, bene, pensai, siamo a cavallo  un bimbo educato secondo le rigide regole orientali, non avrò problemi.
Chiudiamo il portone, prendiamo l’ascensore, arriviamo per strada e appena svoltiamo l’angolo per la scuola il ragazzino carino si strasforma in un MOSTRO, inizia ad urlare e a piangere , grossi goccioloni gli rigavano il viso, mi lascia la mano e si butta in ginocchio per terra urlando “SONO STANCO, PRENDIMI IN BRACCIO, HO FAME, MAMMA NON MI HA FATTO MANGIARE” la gente mi guardava malissimo, e io imbarazzata non solo per gli urli che tirava giù ma anche per le frasi che aveva detto, l’ho preso in braccio e gli ho comprato anche un ovetto kinder!
Alle 16.00 vado a riprenderlo, appena le suore mi vedono mi prendono in disparte e mi dicono “ Signorina, guardi abbiamo dato al bambino un succo di frutta perchè mi ha detto che aveva fame e che lei non le aveva comprato niente” CHE COSA?!?! Guardi suora ci deve essere un errore, la mamma mi aveva detto di comprare 800 lire di pizza bianca (è una tipica pizza romana sottile senza condimento a parte un pò di olio e sale in superficie, è divina!) e questo ho fatto, ma poi per strada ha cominciato ad urlare come un matto perchè aveva fame e così gli ho preso un ovetto... La suora mi guardava tra l’incredulo e lo stupefatto... e allora che succede in quella casa? @_@
Appena varco la soglia della stanza in cui era il “dolce cinesino” e faccio un cenno di andiamo con la mano inizia ad Urlare UAAAAAAAAAAAAAAAAAAA io no voglio venire a casa non vogliooooooooooooooooooooo, voglio stare con i miei amichettiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa mammaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa, ho cercato di sorridere e fare con calma e dirgli dai andiamo non succede niente NOOOOOOOOOOOOOOOO lasciami mi fai MALEEEEEEEEEEE, sempre con calma gli ho detto dai ti porto a casa mia e ti faccio fare merenda con i biscotti al cioccolato che abbiamo preparato con le altre ragazze, appena ha sentito biscocioccolato si è catapultato a prendere il cappotto ha salutato tutti e via di corsa a casa!
Per dirne un’altra, una mattina dovevano andare in tuta e la madre, che secondo me non poteva permettersi quella scuola, aveva messo al ragazzino, una tuta ormai piccola per la sua età, ma nelle scuole private si sa è concessa solo la tuta con il loro logo e nient’altro, così il bambino si vergognava di quella tuta ma davanti alla mamma era dolce e ben educato ma appena siamo usciti ha iniziato ad urlare che aveva freddo e che non avrebbe più fatto un passo senza i miei guanti... che cosa ho fatto secondo Voi???? gli ho dato i miei guanti e anche un ovetto kinder per farlo camminare...
Siamo andati avanti così per due anni poi appena il fratello ha compiuto tre anni hanno assunto anche mia sorella per portarlo all’asilo, ma quello era ancora più malefico dell’altro e dopo la richiesta di portare entrambi giù dai nonni per le vacanze di Natale, con il pullman e le nostre merendine, abbiamo abbandonato la Nave che affondava...
Ci costava più tenerli che abbandonarli @_@ a niente sono valse le proposte della mamma che era disposta a darci 50 euro in più (nel frattempo era sopraggiunto l’euro)  non era possibile tenere quei due bambini che si, venivano cresciuti alla maniera orientale, ma nella vita vera, erano Fiji de na M.... proprio come noi italiani Aò! (passatemi questo francesismo)

Smack !

17 commenti:

  1. ahahahha ahahhaha oddio che mi hai fatto ricordare! e quella volta che si arrampicò sull'albero in cortile e non voleva scendere perchè vvoleva a tutti i costi un giocattolo nuovo??! Aò ma anche no! e annamo un pò a regazì che davvero davvero? ahahha ahhaah
    grrrr la similitudine a Jack Jack è perfetta!

    RispondiElimina
  2. Ahahhah bello il bimbo della foto!! Mamma mia un MOSTRO veramente! Ce vole n'esorcista, altroché!!! Comunque ho fatto anch'io la babysitter e soprattutto le ripetizioni.. LASCIAMO STARE!! Certe pesti! O_o

    RispondiElimina
  3. @ Emy ajajajja si è vero mi ero dimenticata ahahah e quella volta che si era attaccato al palo dell'edicola perchè voleva le figurine???? ajajajaja e non riuscivo a staccarlo e tu non mi potevi aiutare perchè avevi il fratello in braccio ahahahah LOL!!!

    @ ahahha infatti sai che vuol dire senza le madri si trasformano!!! @_@

    RispondiElimina
  4. @ CHIARA ERA PER TE LA SECONDA RISPOSTA ce la posso fare!!!

    RispondiElimina
  5. Con un curriculum così potresti farcela anche con i miei. Sei ancora azionista kinder?

    RispondiElimina
  6. ajajja El_Gae se vuoi ti mando tre ovetti a settimana ma con i bimbi che si trasformano ho chiuso @_@!

    RispondiElimina
  7. Ogni mondo è paese insomma...ahahah..il francesismo ci sta avoja!!!

    RispondiElimina
  8. @ D'aria e giàààààààà!

    @Secondo binario ahahaha Grazie ^_^ aajjajaj @_@

    RispondiElimina
  9. ahuahuahauahuhauhua "mai più bambini che si trasformano" peccato volevo affidarti i miei due nipoti, loro non si trasformano, sono 24h su 24 delle pesti :D

    RispondiElimina
  10. A Michèèèè Nu scherzà!!!! ajajaja Michela almeno sai con chi combattere ahahah quei due erano MOSTRI! ahahahha smack

    RispondiElimina
  11. noooo..ti prego non ci posso credere che sei di ostiaaaaaa...quanti anni hai???bacii

    RispondiElimina
  12. dei veri mostri...spero tu abbia incontrato bambini un pò pù "normali" nella tua vita, altrimenti sarai rimasta traumatizzata...comunque concordo proprio fiji....ciao ed è un piacere aver conosciuto il tuo blog!
    ;)
    ciao loredana

    RispondiElimina
  13. @ Marty si vivo ad Ostia da 9 anni e be sono "leggermente" più vecchierella di Te ho 33 anni @_@!!!!

    @Loredana be si di bambini carini ne ho incontrati ma quei due mamma mia mi erano antipatici come fossero adulti @_@!!!
    p.s. Grazie per il complimento, anche il tuo no scherza sei davvero brava in cucina smack! :)

    RispondiElimina
  14. Ti sono solidale, anche a me è capitata una belva che mi prendeva a morsi una volta, facendo la baby sitter...
    Ma poverino quel bambino però, era vero che non gli davano da mangiare?
    O aveva solo gli occhi più grandi della pancia?
    Certo che, accidenti, due anni sei riuscita a resistere?? O_O

    RispondiElimina
  15. Mamma mia che incubo! Ma in casa gli davano da mangiare? O_o

    RispondiElimina
  16. @ Pri due anni di disperazione #_#...però pure tu non stavi messa bene ahahahha!!!!

    @ Ladybug in realtà la madre era severa sulle quantità ma gli dava da mangiare,e solo che un ragazzino in crescita 4 biscotti li brucia in un nanosecondo @_@!!!

    RispondiElimina