9.08.2011

L'AMERICA TI RESTA DENTRO


Buongiorno a tutti, ieri è stata una giornata strana, sono rientrata al lavoro solo lunedì ma ho come la sensazione di non essermene mai andata.
Lunedì mattina aprendo il portone ho avuto come un tuffo allo stomaco che mi ha provocato un gran senso di nausea, rifare per l'ennesima volta gli stessi gesti mi ha mandato fuori di testa.
Ma come dice segretaria ironica, è l'inizio di un nuovo anno, ed almeno fino a dicembre, dobbiamo cambiare rotta se non vogliamo naufragare, e così ho deciso di diventare un automa, e rispondere solo SI e NO senza aggiungere contorni o arricchimenti di ogni sorta, e subire passivamente gli squilibri settembrini di Troll e i suoi recupero credito, dopotutto si sa questo è il lavoro per cui sono stata assunta e questo faccio.
Bellissime intenzioni vero? peccato che, appena ho oltrepassato la soglia di uscita dell'ufficio e mi sono ritrovata per strada il mio pensiero è volato immediatamente a NYC, e alla incredibile voglia di lavorare che mi era venuta guardando i newyorkesi correre di qua e di la come matti per recarsi al lavoro, con le facce allegre e piene di entusiasmo, di quell'entusiasmo di chi sa che, se oggi produrrà molto e si distinguerà dagli altri, domani gli sarà riconosciuta una promozione ed un adeguamento dello stipendio,voglia che, appena ho varcato la porta del tugurio mi è subito passata.
Un' altra cosa strana che poi ho avvertito per strada e nei giorni che ormai sono trascorsi dal rientro da NYC è che mi manca, è incredibile, tanta gente aveva detto a mia sorella quando tornerai ne sentirai man mano la mancanza ed è così.. io no ci credevo ma è tutto vero.
Quando mi sono ritrovata a camminare nelle Ave e poi nelle street e poi ancora nelle ave, di NYC ero come in una bolla di sapone, non mi rendevo conto che ero davvero io a camminare li su quei marciapiedi e su quelle vie che da una vita sognavo di calpestare, ero come in trans e solo dopo tornata mi sono resa conto che io quella città l'ho vista, l'ho vissuta, l'ho respirata e mi è rimasta inesorabilmente dentro!
Ragazze se potete andateci, non vi deluderà!
Smack!

16 commenti:

  1. Come ti capisco.. ho provato le tue stesse sensazioni quando sono arrivata negli States! Non mi rendevo conto di essere lì, eppure c'ero, ma solo adesso mi rendo veramente conto di quello che ho visto, vissuto e respirato. :'(

    RispondiElimina
  2. ... quasi quasi per curiosità vado a vedere quanto mi costerebbe... :p
    Volevo farci il viaggio di nozze, ma chi è che resiste..?? Sogno di andarci da quando avevo 8 anni...
    Il Topo c'è andato, due volte. Mi ha mostrato le riprese che ha fatto, ed ero estasiata... *___*

    RispondiElimina
  3. Tutto vero, Chiaretta bella :'( ci ritorniamo???? ;)

    RispondiElimina
  4. Pri, facci un pensierino, per l'anno prossimo, vedere le foto ed i video degli altri ti esalta, ma andarci di persona è tutta un'altra cosa!
    quando tornerai ti sentirai una persona diversa ;)!

    RispondiElimina
  5. Ciao, scusa se mi permetto..

    Ma sei sicura di aver visto l'america di oggi?, o ci sei andata tipo nel 1492?

    No perchè questi bei sorrisi che descrivi, la GIOIA di andare a lavorare nella speranza di FAR DEL BENE , con Vivacità entusiastica ect ect ect, li vedi solo a Manhattan non certo nelle 100.000 industrie petrolchimiche dove milioni di americani SONO COSTRETTI DAL SISTEMA a lavorare a 9 dollari al giorno..


    Se tutti seguissimo il Modello/filosofia lavorativa degli states , tipo squalo mangia squalo, il mondo finirebbe in una decina di giorni...


    COmunque ti faccio i miei migliori auguri affinchè possa ritrovare stimoli

    Ciao

    RispondiElimina
  6. ahahah Be sai Gio, io sono stata a Manhattan e non nelle fabbriche, sono andata in vacanza mica a fare un documentario sugli sfruttamenti!
    E poi guarda che anche in Italia sfruttano, ti basti pensare che prima di questo lavoro io ne avevo un altro in cui mi pagavano €1 l'ora! quindi 8 euro al giorno che dici è meglio l'america almeno hanno un dollaro in più :)!!!

    RispondiElimina
  7. Marianna come ti capisco! anche a me manca molto. e per rispondere a Gio Illusion, come dice Marianna anche qui ti sfruttano e come! gli stagisti lavorano 10/15 ore al giorno con rimborso spese di 600€ senza possibilità di carriera dato che la nuova legge non prevede un rinnovo stage quindi le aziende fanno prima a cambiare! e poi , mi pare che tu legga anche i post di PRI be che ne dici della sua situazione? come la chiameresti quella?

    RispondiElimina
  8. Un po' come Gio Illusion, non ho proprio un'ottima opinione degli States... però non si sa mai: magari visitando NY cambierei idea...
    Comunque credo che sia bello fare un'esperienza in un contesto così diverso dal nostro...

    RispondiElimina
  9. Io credo che avere dei preconcetti su cose o persone mai viste e conosciute sia una limitazione, poi per carità ognuno ha le sue idee e le rispetto.
    Io ho sempre amato gli states perciò sono di parte, se sei una persona che ama sperimentare cose assolutamente lontane da noi di almeno 30 anni ti consiglio di farci un salto ;)!
    baci

    RispondiElimina
  10. Care Emilia, Marianna, Adriana...
    .. fatemi fare un po' di stretching prima di cominciare a rispondere, tre donne "contro" non le avevo messe certo in preventivo, dovro' dosare bene le parole :-)

    Dosare non significa rimangiarmele perchè rileggendo il mio commento credo di avere espresso in maniera chiara quale era l'aspetto generale del mio intervento.

    Ma posso capire ed ammettere che attraverso la rete, dentro la bidimensionalità di queste pagine, non passino i TONI di voce con i quali si trascrivono i concetti.

    Sperimentare è il mio secondo nome, e conosco il mondo, lo conosco davvero, e negli ultimi 12 anni circa ho spostato le lancette del mio orologio su altrettanti fusi orari differenti, conosco almeno quanto voi il sistema italiano, e i disordini sociali che queste stesso sistema crea.

    Ma le cose LONTANE DA NOI forse è meglio che ci rimangano LONTANE DA NOI, non voglio certo tenere un seminario sul quanto sia controproducente il SISTEMA AMERICANO, non ne avrei ne le capacità ne il tempo , ma non vivrei come voi sulla convinzione che il loro modello sia quello ottimale.

    Chi si sente preso in giro dal sistema, chi non trova sbocchi lavorativi, chi passa i giorni mangiandosi le mani e rodendosi lo stomaco perchè non trova degna posizione per le sue maestrie e per i suoi talenti non certo troverà una soluzione in un cavolo di palazzo specchiato al centro di una città.

    Non tutto è come viene fuori dai serial TV , anzi NIENTE è come viene fuori dai serial tv.

    Mi sembra strano trovare estimatori di consumistiche devastazioni, ancora oggi, nell'era in cui si dovrebbe dare una svolta MENTALE ai Concetti piu' che hai PRECONCETTI..

    RispondiElimina
  11. ho scritto "hai" con l'h ..... posso scomparire?? :-)

    PS 1 Pri sa come la penso!
    PS 2 Adriana vuoi fare un esperienza diversa dal tuo contesto?... chiamami :-p

    RispondiElimina
  12. Mi fischiano le orecchie...

    RispondiElimina
  13. Un errore di battitura capita a tutti!
    Comunque Lungi da me essere "contro" di Te per carità io rispetto le opinioni di tutti!
    Per ME gli States sono gli States e non intendo quelli delle serie TV, ma non per questo voglio che tu condivida le miei idee!
    Magari un giorno ci descrivi i posti in cui sei stato così possiamo farci un salto che dici?
    CIAOOOO!

    RispondiElimina