7.07.2011

ACCIAIO



Buongiorno, a tutti, oggi mi addentro in un campo non mio, vi parlerò di un libro, lungi da me fare una vera e propria recensione, perché non ne sarei capace, per questo c’è Chiaretta, come la gran parte di voi già sa bene.
Comunque quest’inverno sono andata a trovare mia cugina a Milano e, dato che lei è nel campo dell’editoria, possiede un milione di libri, che legge sia per passione, che per lavoro, e poichè non sa più dove metterli, mi ha portato nel suo ufficio per fare incetta del suo tesero.
Ero felicissima, appena entrata nel suo ufficio credevo di svenire era bellissimo, suo marito, che secondo me è un genio, le ha realizzato l’ufficio dei miei sogni, tavolo di cristallo a forma di onda, contornato di sedie colorate e per terra tutte pietre da giardino sistemate a spirale tra una striscia di legno chiara e l’altra (non è parquet, ma materiale di riciclo che ha preso in alcuni cantieri), intorno pareti bianche con tante mensole contenenti migliaia di libri,vi giuro no sapevo dove guardare.
Mi cugina mi guarda e dice Marianna tutto bene?? Io annuendo prendo una busta e inizio a prendere libri su libri, finchè arrivo ad Acciaio lo prendo in mano e già la copertina non mi attirava, ma dato che avevo letto che era stato addirittura proposto per il premio strega chiedo a mia cugina come è??? Secondo te vale la pena leggerlo? Ovviamente lei per il mestiere che fa non si sbilancia mai in commenti del tipo MI FA SCHIFO o E’ MERAVIGLIOSO, e così mi  dice solo “be sai Mary ( con quel suo accento milanese che io adoro) tutti i libri valgono la pena di essere letti, poi sta a noi decidere la posizione che avranno nel nostro cuore, se ti incuriosisce leggilo e poi mi farai sapere”.
Prendo questo libro e comincio a leggerlo la sera stessa...., eeee...., orrore già dalle prime battute non mi piaceva, ma io odio non finire un libro e così ho continuato, ma vi assicuro che è stato per me un enorme sacrificio.
Acciaio è un libro che da una parte ci descrive il lavoro duro degli operai della Lucchini, (una fabbrica che lavora l’acciaio a Piombino) e dall’altra la vita altrettanto dura di chi vive in via Stalingrado, la via delle casermone popolari che sono state assegnate agli operai della Lucchini, che sognano un giorno di prendere un traghetto ed arrivare nell’Isola D’Elba situata proprio di fronte al loro, a dividerli c’è solo il mare.
Tutto il libro gira introno a queste due ragazzine di 14 anni che vivono l’ultima estate da adolescenti, consapevoli che alla fine dei tre mesi estivi si separeranno perché hanno fatto scelte scolastiche diverse, (dato che una è bravissima a scuola e l’altra invece per niente) e per questo si danno un gran da fare per divertirsi e farsi notare dai ragazzi più grandi giocando con la loro sessualità e i loro corpi ancora acerbi ma già ben formati.
Per tutta la lettura ho avvertito un senso di angoscia che cresceva ogni volta che veniva introdotto un nuovo personaggio, che va dal padre di una delle due, un mostro credetemi ,fino al fratello dell’altra ,il solito bullo di periferia con la golf, la radio a palla, gli amici i night club, i furti di rame e la droga. 
Non mi spingo oltre con il racconto perché davvero farei un pessimo lavoro non credo di essere capace di recensire un libro, ve lo racconterei tutto e non ci sarebbe più gusto.
Ma in tutta onestà io non ne consiglierei la lettura perché lascia l’amaro in bocca, e, almeno a me ha lasciato un messaggio orrendo di non speranza.
E come se la scrittrice dicesse se sei nata povera e disgraziata, povera e disgraziata finirai e per me questo non è assolutamente vero!
Baci :D

14 commenti:

  1. Ma sei stata bravissima, altroché!!!! Complimenti monella!! Il messaggio è assolutissimamente negativo e anch'io non sono d'accordo... di certo, non lo leggerò! Grazie mille! ;-)

    RispondiElimina
  2. :OOOOOOOOO grazie trooppo buona lei!!, :D !!!! smack

    RispondiElimina
  3. Io l'ho letto la scorsa estate in spiaggia.. E non mi è piaciuto!! Lo sconsiglio vivamente!

    RispondiElimina
  4. be sono contenta di no essere l'unica, questa mattina sul giornale lo consigliavano come lettura estiva... io l'ho letto d'inverno e l'ho trovato pesantissimo figuriamoci d'estate :(

    RispondiElimina
  5. Nono, non fa decisamente per me. Io quando leggo devo divertirmi e rilassarmi, che con l'angoscia ci sto già abbastanza nella vita reale!
    Ottima recensione, brava! :D

    RispondiElimina
  6. Infatti per carità la fine poi è oscena!!! io voglio ridere quando leggo o sognare oppure tutte e due le cose messe insieme non sentirmi uno straccio quando chiudo e vedere tutto quel marcio che già vedo di mio ogni giorno!!
    :OOO ma così mi fai arrossire :">!!!
    più che recensione la definirei una chiave di lettura alla Marianna!!

    RispondiElimina
  7. Ciao, Marianna...è da un po' che ti seguo in silenzio..quindi mi vedrai scrivere con un po' di raucedine,coff coff ;)
    La recensione è scritta bene, ma ciò che mi ha esaltata del tuo post è stata la descrizione dell'ufficio di tua cugina! Ma che bello è? MMMMMrrriaaaa!
    Un sogno..poi con tutti quei libri..ahhhhh!!!!
    Io sono una lettrice accanitissima, entrare in quell'ufficio colorato per me sarebbe come andare nel paese dei balocchi.
    Saluti dalla nana della Val Gina :)

    RispondiElimina
  8. Ciao e benvenuta ;)!! be si l'ufficio di mia cugina è bellissimo, e l'odore dei libri che emana è inebriante!

    RispondiElimina
  9. io il libro l'ho letto e l'avevo interpretato in altro modo...ma anche tu non è che hai tutti i torti!!!

    RispondiElimina
  10. :))) bo forse sono io che mi sono data da un po'di anni alla letture di cose leggere che mi fanno stare bene che mi danno speranza.. e allora non sono più abituata a leggere aspetti così crudi della realtà :D!!

    RispondiElimina
  11. Anche io amo Sophie Kinsella sopra ogni cosa!!!

    RispondiElimina
  12. *_* Sophie Docet ahahahah :D ahaajjaj

    RispondiElimina
  13. Oh, a me invece hai fatto venire voglia di leggerlo, proprio perché pare essere così brutto! :D
    Sì, lo so che non sono normale... -_-
    Vedi a leggere troppo la Kinsella? Si diventa come me! :D

    RispondiElimina
  14. ahahahh questa si che è bella e tanto brutto che mi viene voglia di leggerlo! ahahah be io l'ho letto per lo stesso motivo avevo letto una recensione che l'aveva stroncato e poi diciamocela tutta non ho mai letto un libro vincitore del premio strega che mi sia mai piaciuto ahaaha @_@!!!
    Beata la mia ignoranza... :D W SOPHIE!!!!!!!

    RispondiElimina