3.29.2011

SUCCESSO!

Eccomi qui, è da un pò di giorni che sto leggendo un libro che si chiama "Una Ragazza alla notte degli oscar" e più leggo e più i rispecchio in lei , sopratutto nella parte negativa del suo lavoro.
La storia in pratica è questa, una ragazza di nome Karen lascia un lavoro fisso alla Cnn come customer service per aziende sponsor ed entra nel mondo della Glorius Pictures come assistente di Allegra Orecchi capo del settore pubblicità, da questo momento in poi la sua vita prenderà una piega bruttissima la sua capa è una pazza la sua collega una Stronza con la S maiuscola... ( la mia collega, nonché amica non lo è affatto, anzi  fortuna che c'è lei...)ma dopo tante peripezie riesce a farsi apprezzare, per i suoi articoli ben scritti  dal capo del settore marketing che le proporrà di lavorare per lui alla realizzazione del sito internet della Glorius... Non so come va a finire perchè non sono ancora arrivata alla fine...@_@iii ma la cosa importante non è il libro in se quanto la vocina che ha acceso dentro di me! Io faccio questo lavoro di assistente che detesto solo per il maledetto posto fisso... ma ogni giorno penso come faccio a far capire al mondo che esisto? e sopratutto come fanno tante ragazze a lavorare nelle riviste come Grazia, Anna, Donna Moderna ecc.. ? Il mio sogno sarebbe lavorare in una di queste riviste anche solo come assistente (anche perchè solo quello so fare per ora), o come apri e-mail, visto che le lettere non si scrivono più....ma come cacchio si FA????? ci vuole forse la raccomandazione del PAPI??? A me piacciono le sfide e non mi spaventa il lavoro duro, purchè non sia più comprare la carta igenica, e tutte le altre cose che vi ho elencato nel post " i mille motivi per cui odio il mio lavoro", allora perchè non  rispondono mai ai mille C.V. che invio ogni giorno? UFFAAAAA Voglio Lavorare per Grazia alla sua pagina Facebook ! Ascoltatemi vi prego!

piccolissimo problema in ufficio me lo hanno BLOCCATO!!!
... ma questa è un'altra storia...

2 commenti:

  1. Come ti capisco cara... con una laurea anch'io mi ritrovo a preparare caffè a chi è più giovane (e aggiungerei meno intelligente di me), a fare fotocopie e a pagare le bollette personali dei capi.. purtroppo non vedo via d'uscita, visto che lo stipendio serve per campare!!
    ps: la foto in basso rende decisamente bene l'idea!

    RispondiElimina
  2. E già! che amarezza ogni giorno è dura alzarsi e cercare di tenere a bada l'intelligenza che senti esplodere dentro di TE, per indossare la maschera dell'ignoranza e non far vedere ai tuoi capi che sei più intelligente delle figlie grrrrrrrrrrrr!

    RispondiElimina